Spedizione gratuita per gli ordini superiori a 45€. Scopri di più
Contattaci se hai bisogno del nostro aiuto.

Cura e lavaggio istruzioni

Presta sempre particolare attenzione per mantenere il tuo lavoro pulito. Lavati spesso le mani ed evita di usare oli per il corpo prima o durante il lavoro, potrebbero macchiare i tessuti.

Proteggi i tuoi lavori dalla polvere, dagli insetti o dalle macchie accidentali. Riponi sempre il tuo lavoro in corso in una scatola o in una delle pratiche borse porta lavoro di DMC.

  1. Punto croce

    - Lavare sempre ogni ricamo a punto croce separatamente (e possibilmente a mano). NON lavare con altri ricami, vestiti o biancheria.
    - Lavare in acqua fredda (l'acqua del rubinetto va bene se non è molto dura, in caso contrario lavare con acqua distillata). Assicurati che il lavello o qualsiasi altro contenitore utilizzi sia adeguatamente pulito.
    - Bagna abbondantemente il tuo lavoro con acqua fredda corrente.
    - Usa piccole quantità di detergenti neutri e lava delicatamente, non usare detergenti aggressivi o candeggina.
    - Sciacqua più volte in acqua fredda. Non preoccuparti se l'acqua si colora durante il lavaggio, continua a sciacquare il tuo capo fino a quando l'acqua è pulita.
    - Arrotola il tuo ricamo tra due asciugamani di spugna puliti e stringi delicatamente senza strizzare. NON lasciare che parti del ricamo si tocchino o che il ricamo si ripieghi su se stesso.
    - Tolta l'acqua in eccesso, srotola gli asciugamani e lascia asciugare il tuo ricamo su un piano orizzontale in un asciugamano pulito o su uno stendino. Lascialo all'aria aperta fino a che non è umido (non deve asciugarsi completamente), fai attenzione a non esporlo alla luce diretta del sole.
    - Per stirare il tuo ricamo, posizionalo con il davanti verso il basso tra due asciugamani puliti (gli asciugamani servono per proteggere i tuoi punti). Premi leggermente con il ferro da stiro. Non usare mai un ferro caldo direttamente sul tuo ricamo.
    - Per distendere le pieghe usa il vapore del ferro.
    - Non usare spray o rivestimenti protettivi o altri prodotti sul tuo ricamo a punto croce, alcuni prodotti potrebbero causare reazioni chimiche con i coloranti di alcuni filati.
    - NON lavare a secco il tuo ricamo a punto croce.

    È meglio non lavare i tessuti stampati,  per il tipo di stampa usato per produrre questi articoli. Se il tessuto è macchiato, puoi pulirlo delicatamente tamponando con un panno pulito e un detergente delicato solo sulla parte sporca. NON immergere le parti con il disegno in acqua, e non lavare a secco. Mantenendo le mani e area di lavoro pulito durante il ricamo, i tessuti restano in buone condizioni e non hanno bisogno di alcun tipo di pulizia.

  2. Canovaccio

    I ricami su canovaccio non vanno lavati in acqua e sapone. I canovacci sono trattati con prodotti idrosolubili che danno corpo e rigidità al tessuto, lavandoli in acqua saponata rimuoverai questo indurente.

    La soluzione migliore è un lavaggio a secco. Ci sono detergenti speciali per la pulizia a secco. DMC suggerisce di usare un detergente per pulire il canovaccio ma sempre in modo delicato senza premere e strofinare troppo, facendo attenzione alle istruzioni riportate sul prodotto.

    Se hai un vecchio ricamo su canovaccio, molto sporco e impolverato, puoi provare ad aspirare la polvere. Copri il tubo dell'aspirapolvere con una calza di nylon e usalo a bassa potenza. Parti dal davanti del ricamo e tieni l'aspirapolvere appena sopra il ricamo.

    DMC raccomanda sempre di testare il metodo di pulizia scelto in un angolo nascosto del ricamo per poi proseguire solo se soddisfatti del risultato ottenuto.

  3. Uncinetto

    - Lavare in acqua fredda (l'acqua del rubinetto va bene se non è molto dura, in caso contrario lavare con acqua distillata). Assicurati che il lavello o qualsiasi altro contenitore utilizzi sia adeguatamente pulito.
    - Bagna abbondantemente il tuo lavoro con acqua fredda corrente.
    - Usa piccole quantità di detergenti neutri e lava delicatamente, non usare detergenti aggressivi o candeggina.
    - Sciacquare più volte il tuo capo in acqua fredda fino a rimuovere ogni traccia di sapone o schiuma.
    - Rimuovi delicatamente l'acqua in eccesso, metti il tuo capo su un piano orizzontale tra due asciugamani di spugna pulite e asciutte, arrotola le spugne premendo con decisione in modo da far scorrere l'acqua in eccesso senza strizzare.
    - Stendere il capo su un panno o asciugamano asciutta e su una superficie piana abbastanza grande da contenere tutto il tuo lavoro (nel caso di indumenti come un maglioncino è bene porlo con le maniche distese). Un tavolo è perfetto per questo scopo e puoi proteggere le superfici in legno con una tovaglia cerata.
    - Posiziona il tuo capo all'uncinetto su un panno asciutto e rimodella delicatamente la forma originale di polsini, colli, cinture, pieghe, fissa eventuali bottoni ecc.
    - Lascia asciugare l'oggetto per 24 ore.
    - Se non è completamente asciutto, sposta l'oggetto su un asciugamano asciutto facendo attenzione a conservare la forma (la forma si sarà ormai fissata, ma è bene evitare pieghe soprattutto se l'asciugatura è particolarmente lenta per condizioni meteorologiche e ambientali), lasciare asciugare per altre 24 ore.

  4. Chiacchierino

    Di tanto in tanto i lavori a chiacchierino, soprattutto quelli in cotone bianco avranno bisogno di pulizia, la sola esposizione alla luce solare fa ingiallire i filati di cotone bianco. Per rimuovere sporco e macchie, puoi lavare i capi in una soluzione tiepida di sapone neutro per un'ora. NON strofinare o strizzare. Sciacqua abbondantemente con acqua pulita lasciandola scorrere generosamente. Se il bianco non è tornato al suo splendore, puoi preparare in una ciotola una soluzione sbiancante per tessuto, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione. Il cotone bianco tollera la candeggina, ma questo prodotto potrebbe togliere la bella lucentezza naturale dei filati di cotone.

    Sciacqua abbondantemente e posa il capo su un asciugamano asciutto. Arrotola l'asciugamano per non esporre il capo alla luce e lascialo asciugare in una zona ben ventilata. Una volta asciutto, stendi e apri i pippiolini usando un ago senza punta.

  5. Smacchiare

    Ci sono due tipi fondamentali di macchie, quelle a base d'acqua e quelle a base d'olio. Le macchie a base d'acqua, incluse molte macchie di cibo, sono acide e richiedono dei prodotti acidi per essere rimosse. Per le macchie d'olio sono invece necessari, nella maggior parte dei casi, dei prodotti NON a base acquosa, detti per questo motivo "a secco". Le molecole interne alle macchie possono essere variabili e complesse. Se il tuo capo ricamato ha macchie colorate, valuta il tipo di macchie e a che cosa sono dovute. Ogni elemento che compone la macchia può essere rimosso e scomposto con un corretto agente pulente. Ad esempio, una macchia di vino rosso contiene: alcool, zuccheri, tannini sciolti in acqua. Usa la glicerina per sciogliere la macchia e risciacqua abbondantemente, la parte di macchia dovuta ai tannini si può rimuovere con l'applicazione di aceto bianco e shampoo neutro diluito.

    Alcune cose da ricordare sulle macchie:

    - Più la macchia è vecchia, più è difficile rimuoverla.
    - Se stiri una macchia sarà molto più difficile rimuoverla.
    - Smacchiare un capo è un'operazione da ripetere più volte, con ogni applicazione riuscirai a rimuovere solo una percentuale della macchia. È importante risciacquare la parte dove si trova la macchia ed evitare di toccare le parti pulite del capo. Per rimuovere al 100 % la macchia, anche con un prodotto efficace, potrebbero essere necessarie fino a 5-7 applicazioni a causa delle reazioni chimiche complesse tra la macchia e le fibre e il tempo necessario per innescarle.

  6. Specifiche macchie

    Macchie a base d'acqua (caffè, tè, succhi di frutta, frutta)

    Questi liquidi contengono tannino e altri acidi. È possibile alternare tamponando la macchia con una piccola quantità di shampoo diluito (usare shampoo neutro, senza balsamo o profumo) o detersivo per lavastoviglie e aceto bianco che è un acido debole. Il detersivo elimina la componente alimentare, e l'aceto scioglie la macchia acida. Risciacquare con acqua distillata.

     

    Cola, Vino, Birra, Liquori

    Questi prodotti contengono alcool, zuccheri e tannini in acqua. Usare la glicerina risciacquando con abbondante acqua e la parte di macchia dovuta al tannino / acido si può rimuovere con l'applicazione di aceto bianco e shampoo neutro diluito.

     

    Uova, gelato, latte, vomito

    Queste macchie contengono proteine e composti chimici complessi. Lasciare asciugare la macchia e poi con un pennello o una piccola spazzola cerca, delicatamente, di pulire il più possibile. In base al tessuto su cui è stato realizzato il ricamo, è possibile usare (o meno) uno shampoo diluito seguito da ammoniaca diluita. Attenzione: seta e lana possono essere danneggiati dall'ammoniaca.

     

    Condimenti, sughi, grasso

    Le parti oleose di queste macchie si possono sciogliere usando dei solventi per lavaggio a secco (percloroetilene o tricloroetano). Quando questi solventi sono evaporati, la macchia residua si può rimuovere con uno shampoo neutro delicato, seguito, se necessario da shampoo neutro diluito con ammoniaca diluita. In alternativa, l'olio può essere rimosso con un lavaggio di soda e acqua calda. Questo processo saponifica il grasso, rendendolo simile ad un sapone solubile che si può facilmente risciacquare. Se la macchia oleosa si è ossidata (è diventata gialla), questo metodo non funziona.

     

    Inchiostro

    Le macchie d'inchiostro è meglio trattarle prima con solventi e poi con acqua a base di reagenti. Un solvente efficace può essere l'acetone, l'etanolo, o il lavaggio a secco con specifici detergenti. Questi reagenti si applicano separatamente e in modo sequenziale (si lascia evaporare un prodotto prima di impiegare il successivo), successivamente si lava con acqua usando uno shampoo neutro delicato e aceto bianco con un po' di glicerina.

    Se non si è sicuri sul modo corretto di trattare una macchia, è sempre preferibile consultare una lavanderia.